Referendum 2016

SI= A favore del referendum proposto.

NO= Contrario al referendum proposto.

Non voglio fare politica, non è il mio campo, ma l’Italia è il mio paese per questo per me è importante che tutti decidano senza alcun tipo di strumentalizzazione da parte di chi ieri diceva il contrario di oggi e domani riderà per aver ottenuto tutto ciò  (NO).

Il NO è la vittoria di chi vuole mettere la testa sotto la sabbia, di chi vuole vendetta e di chi ha solo risentimenti.

Chi ama questo paese e auspica a un futuro migliore, vota SI, perché anche il più piccolo cambiamento significa un inizio.

Dimenticatevi di chi ha proposto il referendum e di chi è  contrario. Si tratta del nostro futuro. A vincere o perdere non saranno loro, ma noi. E se riusciremo a mandare via 315 di loro sarà già una piccola vittoria. 

Referendum, come sarà la scheda per votare (da LA STAMPA) – http://wp.me/p7AetR-4u

Annunci

13 pensieri su “Referendum 2016

  1. Hai ragione Maria, le chiacchiere attorno alla riforma stanno mettendo in secondo piano il merito. Il quesito è chiaro e le scuse accampate dalle opposizioni sono semplicemente ridicole. Dobbiamo usare la testa per votare e non lo stomaco come dice quel comico piccolo dittatore.

    • Il mio post voleva dire proprio questo, di usare la testa senza ascoltare nessuno. Quello che ha detto il “comico” perché è solo quello, lo ritengo offensivo. Dire alle persone di usare lo stomaco anziché la testa è come dire ubbidite a me e non fate di testa vostra. Un motivo in più per non ascoltare ciò che dicono e ragionare con la propria testa.
      Un abbraccio
      Maria

  2. Pienamente d’accordo! Più che votare per Renzi in sé, qua si parla proprio di votare per vedere (o meglio: “tentare di vedere”) un cambiamento nel prossimo futuro. Il “no’ significherebbe rimanere intrappolati nell’infinita burocrazia che ha sempre reso il processo legislativo lento e inquinato.
    Condivido pienamente il pensiero!

    • Purtroppo non tutti ancora hanno capito che c’è in gioco il nostro futuro e quello dei giovani. Non si tratta di sinistra o di destra, si tratta di provare a cambiare. L’Italia è in uno stallo ormai da troppi anni e così non va bene. Quindi meglio provare a cambiare che lasciare le cose come stanno.
      Grazie e benvenuto nel mio blog
      Maria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...